domenica 2 settembre 2007

12 luglio
Pechino/Nanchino – Mandarin Garden

Partenza alle ore 09:00 per visitare il “Tempio del Cielo” che si trova all’interno di un parco molto grande.
Ci soffermiamo a guardare (e qualcuno a partecipare) molta gente che a gruppi fruisce del parco ballando, giocando con dei tamburelli o con delle racchette, ascoltando chi, accompagnato da strumenti vari, si esibisce o partecipa ad una sorta di Karaoke. A guardarli così sembrano tutti felici, partecipativi e molto distesi. Parecchi stanno sdraiati sulle panchine tra verdi prati ed aiuole fiorite: è veramente tutto molto bello.
Procediamo con la visita del “Tempio del Cielo” che strutturalmente si presenta come una … scatola cinese! Tre o quattro cortili uno dietro l’altro con costruzioni varie adibite ad uso pubblico o privato secondo le usanze dell’epoca. Come ormai abbiamo imparato non si entra dentro; si visiona dall’esterno quel che si può e l’interno è anche in penombra.


Dopo essere stati al “centro del mondo” nel giardino adiacente, si va al ristorante all’interno di un albergo. Ottimo pranzo. Una nota su Yuan, per tutto il tempo in cui ci ha accompagnato è riuscito a tenere sotto il braccio una misteriosa e pesante borsa nera solo con la forza del gomito. Nessuno gliel’ha mai vista aprire!


PROVERBI DI UAN
Meglio una volta vedere che
100 sentire;

Se non entri nella tana della tigre come fai
a catturare i tigrotti?

Quando nevica dai
un pezzo di carbone;

Partenza per Nankino.
Superfluo raccontare le meraviglie dell’aeroporto di Pechino che, oltre all’architettura veramente bella, offre servizi utili come carrelli sempre disponibili, telefoni in quantità, chioschi per l’acqua fresca, internet e, immancabili, negozi di ogni genere.
Il volo è andato bene. Poche scosse e parecchie cose da bere e mangiare: la più curiosa è un dolcetto (lo appuriamo in seguito) dal colore verde marcio, farinoso, gommoso e … molto sospetto. Mi faccio forza e lo assaggio: è abbastanza gradevole, ma gli altri non mi credono.

All’arrivo incontriamo la nuova guida “Stella Cadente”; molto simpatica, richiama parecchio le ragazzine dei cartoni animati anche se quelli giapponesi. E parla anche come un cartone animato!
Arriviamo all’albergo che è molto bello; ci rinfreschiamo e ... cena occidentale (sorvoliamo).
Facciamo una passeggiata notturna tra le strade della città vecchia che rivedremo domani mattina. Diamo una sbirciata ai negozi che sono aperti sino a tardissimo: prezzi incredibili, due magliette 7 euro, scarpe da 1,5 a 4 euro e senza ancora aver trattato!
Il caldo umido asfissiante intanto ha allentato un po’ la presa e dopo un po' decidiamo di rientrare. Ritroviamo un po’ a fatica la strada per l’albergo: i navigatori sono troppi e troppo sicuri che la strada da loro indicata sia l’unica da percorrere. Dormiamo il sonno dei giusti confortati dal fresco dell'ambiente condizionato.

4 commenti:

Anonimo ha detto...

Dopo partenza per Nanchino
Superluo

Anonimo ha detto...

Un'altra cosa, si scrive Uan o Yuan?
E' scritto in maniera diversa in “una nota per Yuan”

CharlieBrown aka Adele ha detto...

Complimenti e un caloroso benvenuto nella blogosfera :-)
un affettuoso saluto per la Signora e tutta la famiglia da tutti noi! Los Cammaratas

cigs.excellent ha detto...

Very interesting